krampus

Krampus: cosa sono e dove si possono vedere

Altro che Haloween, i Krampus si che fanno paura ai bambini e a volte anche ai grandi! Questi mostri diabolici, dall’aspetto terrificante, sono i protagonisti di un appuntamento alquanto sentito in molti paesi dell’arco alpino orientale di lingua tedesca. Un evento che si rinnova ogni anno il 5 dicembre anticipando l’arrivo del buon San Nicolò.

In questa occasione, San Nicolò, il santo dalla lunga barba bianca protettore dei bambini, viene trainato su un carro e fatto sfilare lungo le vie del paese preceduto da un corteo di demoni mascherati, armati di fruste e di forconi, che se la prendono un po’ con tutti creando il caos e facendo scappare, tra strilli e urla di ogni tipo,  chi si trova nelle vicinanze. Loro girano in gruppo per le piazze e per le vie dei paesi seminando il panico tra la gente che scappa e si nasconde per evitare di assaggiare la loro frusta fatta di piccoli ramoscelli secchi.Ogni anno l’atmosfera che precede l’arrivo di queste figure diaboliche è carica di tensione e di curiosità. Questa tradizione ha origini antichissime e trova la sua essenza nel contrasto tra il male e il bene, tra la luce e il buio. Così ai Krampus (il male, il buio) si contrappone San Nicolò, (il bene, la luce).

Come si riconosce un Krampus?

Questi diavoli dalle fattezze mezzo uomo e mezza bestia si presentano coperti da una spessa e sporca pelliccia, rumorosi campanacci legati dietro alla cinta, lunghi forconi appuntiti e l’immancabile frustino pronto per essere usato sulle gambe di qualche povero malcapitato. Le loro orribili maschere,  da cui spuntano delle aguzze e lunghe corna da caprone, riescono a far paura non solo ai bambini ma spesso anche ai più grandi.

krampus

La mia esperienza con i Krampus

Ho scoperto questi paurosi diavoli durante una vacanza in terra austriaca con la mia famiglia in quel di Heiligenblut. Uscito dalla piscina del paese, dopo una giornata trascorsa sugli sci, ho sentito un gran rumore di campanacci proveniente dalla zona della piazza. Quel giorno era il 5 dicembre, il giorno buono per i Krampus, e la festa era già nel pieno. Bruttissimi diavoli si muovevano freneticamente in modo convulso sulla piazza innevata, rincorrendo a destra e sinistra le persone che trovavano nelle vicinanze, brandendo le loro fruste . Il rumore dei campanacci era assordante, dai bracieri le fiamme si innalzavano nel buio della sera, l’aria era intrisa di un odore acre di fumo misto a vin brulè e resina di pino bruciata. Il freddo era intenso ma la tensione era alle stelle. Quei diavoli erano inferociti!

krampusMia figlia di 4 anni scoppiò a piangere, mamma Francesca la prese in braccio. Un Krampus con un’orribile maschera verde, da cui spuntavano due grosse corna, le pose la mano. Incredula smise di piangere un po’ stupita. Solo pochi secondi e il mostro tornò nel caos infernale insieme agli altri. Intanto la piccola Anna se l’era fatta addosso nel vero senso della parola! Grazie a quel gesto buono il grosso della paura le era passato, tanto che non c’è stato verso di portarla a casa se non a festa finita.

Se anche voi volete  vivere la magica atmosfera di questo “diabolico carnevale” posso consigliarvi alcune località dove questa festa è molto sentita.

5 posti dove andare a vedere i Krampus

  • Dobbiaco (BZ). Il 07-12-2015 verso le 18.00 vi sarà un grande raduno di diavoli dalle facce più paurose. Più di 400 Krampus provenienti dall’Austria e da molte zone del Sud Tirolo.
  • Tarvisio (UD). Il 05-12-2015 alle ore 18.00 per informazioni
  • Vipiteno (BZ). Il 05-12-2015 ore 18.00
  • Bressanone (BZ). Il 05-12-2015 ore 17.00
  • Pontebba (UD). Martedì 8 dicembre 2015 a Pontebba si rinnova l’appuntamento tra Krampus di Italia, Austria e Slovenia per la grande sfilata lungo le vie del paese.

Molto probabilmente io, come ogni, anno andrò a trovare i Krampus in Austria, nel piccolo paese di Heiligenblut in Carinzia.

E voi avete mai portato i vostri bambini a vedere i Krampus?

 

2 commenti
  1. http://www./
    http://www./ dice:

    Ce texte est une ébauche publiée pour discussion. Manque en particulier une partie conclusive plus étoffée, à supposer que l’on puisse conclure sur un tel sujet. JPB.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *