ruial di San Tomè

Vieni a scoprire il Ruial di San Tomè

Qualcuno di voi ha già sentito parlare del Ruial di San Tomè? Sicuramente molti miei compaesani lo conoscono già ma per i più potrebbe essere un interessante scoperta. Vi posso anticipare che è una cosa bella e molto interessante da vedere e che piacerà soprattutto ai bambini, si sa che quando c’è di mezzo l’acqua loro ci sguazzano…. Ma andiamo a scoprirlo insieme.

In un precedente articolo vi avevo parlato di quanto è bello camminare in natura con i bambini. Nel caso del Ruial di San Tomè gli ingredienti per passare dei momenti piacevoli insieme ai nostri bambini ci sono proprio tutti: rumori e profumi del bosco, bellissimi fiori, una piccola cascata da cui sgorga della freschissima acqua e tanto spazio per correre e divertirsi.

Il Ruial di San Tomè: che cos’è, dove si trova e la sua storia

El Ruial è un canale in pietra, scolpita a mano più di trecento anni fa, che serviva a portare l’acqua dal “Cunath” (sorgenti del torrente Artugna) a Dardago, Budoia e Santa Lucia, tre piccoli paesi della pedemontana pordenonese proprio ai piedi della Val di San Tomè.

Purtroppo verso la metà del xx secolo questa ingegnosa opera idraulica cadde nell’oblio in seguito alla costruzione dell’attuale acquedotto e addirittura un tratto di 200 metri venne successivamente sepolto dagli inerti della cava di pietra di “Perer” (in seguito fortunatamente chiusa).

Il 15 agosto 2013, festa dell’Assunta, patrona di Dardago, un gruppo di paesani ha costituito El Comitato del Ruial de San Tomè con lo scopo di restaurare lo storico manufatto idraulico, valorizzare la cultura e le usanze locali e promuovere il rispetto dell’ambiente.

Il Ruial

La piccola cascata di Perer

Il progetto è stato reso possibile grazie alla collaborazione fra le Amministrazioni Comunali di Budoia e Polcenigo, i volontari del Comitato e i fondi reperiti nell’ambito del progetto “Montagna Leader/Liquentia”.

il Ruial

durante il lavoro di recupero e rifacimento della canaletta

Il recupero del Ruial ha comportato 8 mesi (oltre 2500 ore di lavoro ) di intensa attività  per:

  • la fugatura delle pietre grezze che sormontano le canalette e la pulizia dal muschio
  • la sistemazione del sentiero adiacente al Ruial
  • la ricostruzione di un tratto di circa 200 metri di canaletta ex novo
  • lavori di consolidamento terreno e costruzione di una nuova interessante cascata nella zona dell’ex cava di Perer
  • a completamento dell’opera è prevista la messa a punto di una piccola diga (che verrà costruita sul Cunath dal Corpo Forestale) per assicurare un’ alimentazione costante di acqua al Ruial.

Il Ruial di San Tomè si trova nella Val di San Tomè o Val di Croda, una valle prealpina chiusa del Friuli occidentale. La valle è facilmente accessibile dalla pianura pordenonese attraverso il paese di Dardago (PN), steso proprio ai suoi piedi. Dato il comodo accesso e l’ambiente naturale, fortunatamente ancora preservato, questo posto costituisce una valida meta per molti bikers, arrampicatori, escursionisti e famiglie con bambini.

In particolare quest’ultimi possono beneficiare di un nuovissimo e facile percorso escursionistico che si snoda proprio lungo lo storico Ruial di San Tomè  recentemente oggetto di recupero da parte degli uomini del comitato di El Ruial.

Ruial di San Tomè

Contrasti di tardo autunno lungo il sentiero del Ruial

Il percorso per famiglie lungo il Ruial di San Tomè

Si tratta di un percorso piacevole, con un dislivello limitato (200 mt), che ha inizio dalle ultime case di Dardago (località “la Rosta”) e che, costeggiando il torrente Artugna, risale proprio accanto l’antica canaletta (El Ruial) tutta la Val di San Tomè fino a raggiungere l’omonima chiesetta (del XIII sec.), posta alla testata della valle. Nonostante la sua brevità questa escursione, oltre ad essere molto varia ed interessante, ha il pregio data la quota modesta di essere percorribile in qualsiasi stagione pioggia permettendo. Lungo il tragitto sono state allestite delle panchine in pietra (alla Rosta e alla cascata di Perer) per rendere le soste ancora più piacevoli. La particolarità del percorso sta nel fatto di coniugare ottimamente la passeggiata ideale per le famiglie con bambini con un valore storico e culturale non trascurabile.

Percorrendo questo itinerario ci si renderà conto dell’ingegnosità e del lavoro dei nostri vecchi come della grande passione messa sul campo da parte di tutti quelli che in tempi recenti hanno contribuito con il loro prezioso apporto al recupero di questo storico manufatto.

Qui potete visualizzare la descrizione tecnica del percorso lungo il Ruial.

2 commenti
  1. Flora Capovilla
    Flora Capovilla dice:

    Vorrei anch’io aggiungere i complimenti al gruppo di volontari che hanno partecipato al recupero del Ruial. Sono stata a fare la passegiata e ne sono rimasta davvero colpita, i lavori di restauro della conduttura del Ruial sono stati fatti con perizia e meticolosità, penso che tutti loro abbiano contribuito a dare al Ruial una “seconda vita”. Bravi.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *