Dardago

Arrampicare a Dardago con Tiziano fino a tarda sera

Tiziano l’ho conosciuto in un pomeriggio d’estate del 1989. Eravamo entrambi freschi di corso roccia e passavamo quasi ogni pomeriggio ad arrampicare a Dardago presso la palestra di roccia che prende il nome dall’omonimo paese, situato ai piedi della Val di Croda. A quei tempi non erano poi in molti a frequentare quelle rocce e quindi fu abbastanza naturale fare amicizia con chi aveva la stessa voglia di arrampicare e la stessa passione di andar per crode.

Continua a leggere

Quando è meglio andare a camminare in Austria

Siamo ad agosto, al mare la gente si accalca per un posto sotto l’ombrellone, in montagna serpentoni di macchine salgono e scendono per i passi dolomitici più famosi. Ho finalmente 3 o 4 giorni liberi e non ho intenzione di passarli a casa, d’altro canto ho voglia di starmene in pace, non voglio proprio saperne di code, casino e smog.

Continua a leggere

Contrasti di primavera al Cadin di Magor

Il Cadin di Magor è un solitario catino ghiaioso a 1800 metri di quota che si trova proprio alla base della repulsiva parete nord est del Col Nudo. Al Cadin di Magor è bello andarci perché non c’è proprio niente al di fuori della vera montagna. Non ci sono rifugi, teleferiche, strade, impianti ecc…

Continua a leggere

In mountain bike alla Malga Coda di Bosco

Questa mattina mi sono alzato con quella di muovermi un po’; la pioggia degli ultimi giorni mi aveva decisamente stufato e soprattutto relegato a casa davanti al pc. Il mio umore non era alle stelle ma sentivo di aver bisogno di un po’ di aria di primavera per liberare la testa dalle paure e dai cattivi pensieri che ogni tanto, come dei nemici invisibili, si radicano nel mio cervello senza motivo.

Continua a leggere

Camminare in montagna con i bambini è bellissimo

Camminare in montagna con i bambini è bellissimo, ci aiuta a riscoprire cose che ormai si davano per scontate che tanto scontate non sono. Durante il cammino i bambini osservano e fanno domande che a volte trovano risposte a volte no. Durante il cammino la loro naturale curiosità viene stimolata dalle magie della natura che, con le sue forme e i suoi odori, è fonte inesauribile di nuove conoscenze.

Continua a leggere