heili-1

Heiligenblut, la mia escursione del giorno della partenza

Quasi sempre l’ultimo giorno di vacanza ad Heiligenblut è triste per me. Il giorno della partenza è sempre uguale: si riordinano le cose, si fanno le pulizie e si carica la macchina per il viaggio. Se fuori piove va decisamente meglio ma se c’è il sole e l’aria è così secca che le montagne sembrano quasi finte da quanto sembrano vicine è dura, veramente dura…

In questi casi, se non è inverno e fuori c’è la neve, per alleviare questa sofferenza parto di buon mattino, quando il resto della famiglia dorme ancora, direttamente a piedi dal garage di casa mia per il mio solito giro dell’ “ultimo giorno di vacanza”.

Si tratta di  un percorso che ho appositamente confezionato su misura per me da fare e gustare proprio il giorno della partenza in modo da tornare a casa poco prima di pranzo ed avere così il tempo di ultimare i preparativi per il viaggio di ritorno in Italia.

Perchè a me piace fare ad Heiligenblut questo percorso

E’ comodo, perché non serve prendere la macchina. E’ vario perché, essendo un anello, il ritorno non è mai uguale all’andata. E’ né troppo breve né troppo lungo, giusto fattibile in una mezza giornata, anche fermandosi qualche minuto ad osservare in pace ciò che di bello sta attorno.

Heiligenblut

L’inizio del sentiero Natura Mystica

Ma è soprattutto un giro solo mio questo, perché i vari pezzi di strade, di stradine e di sentiero sono stati messi sapientemente assieme da me come in un puzzle. Un escursione a 360° che, come un cerchio di compasso, si snoda lungo i verdissimi fianchi delle montagne che chiudono a ferro di cavallo l’alta valle del fiume Möll, dove si trova Heiligenblut.

Come passo il mio ultimo giorno di vacanza ad Heiligenblut

Mi alzo presto, alle 7.00 sono già fuori che cammino, faccio il mio percorso,  ritorno a casa per le 11.00. Mangio qualcosa, faccio le pulizie, carico la macchina, chiudo l’appartamento e per le 14.00 di solito parto. Semplice no!?

Quando esco dal garage con la macchina, vado piano, anzi pianissimo. Al primo stop, mi giro per un’ultima occhiata ad Heiligenblut, con il suo inconfondibile campanile appuntito che sembra far pendant con la punta perennemente innevata del Glockner sullo sfondo. Poi schiaccio il pedale dell’acceleratore, destinazione Italia, Friuli, Budoia, con il pensiero ancora a quel mio solito ultimo giro. Perfetto per l’ultimo giorno di vacanza…

Volete ripetere questo mio personalissimo percorso? Visualizza qui la descrizione completa di questa escursione ad anello intorno al paese di Heiligenblut.

Foto Gallery Heiligenblut, la mia escursione del giorno della partenza

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *