Zuc di Vallisèlle

Mamma vado a vedere le Dolomiti

“Mamma, vado a vedere le Dolomiti….” è quello che dicevo a mia madre quando, ancora adolescente, uscivo di casa con lo zaino in spalla, carico di entusiasmo e pieno di aspettative, per raggiungere la cima dello Zuc di Valliselle (1632 mt.). Da lassù è possibile godere, nelle belle giornate di cielo sereno, di un magnifico panorama che abbraccia la sottostante pianura, il mare Adriatico, le Alpi Giulie, la piana del Cansiglio, i monti dell’Alpago e le Dolomiti.

Per vedere le Dolomiti partivo a piedi direttamente dal piccolo paese di Budoia, dove vivo tutt’ora, per raggiungere, dopo una salita di 1500 mt di dislivello, la mia meta.

Dalla cima dello Zuc di Valliselle, raggiungibile in pochi minuti da Casera Val de Friz, se ero fortunato e il tempo nel corso dell’escursione non si guastava, potevo vedere le Dolomiti e soddisfare così anche solo per quel giorno il mio bisogno di montagna. Il Pelmo, la Civetta, il Bosconero, lo Schiara, il Sass Maor mi si paravano davanti, all’improvviso, in una festa per i miei occhi.

Dolomiti

Pausa sul Col Scussàt

Ancora adesso, almeno una volta all’anno, ripercorro con molto piacere i sentieri di questa bella escursione che permette di raggiungere, dopo una lunga camminata, uno dei luoghi più panoramici del Comune di Budoia. Il percorso è molto vario e si snoda lungo sentieri assai poco battuti, un tempo utilizzati dai nostri vecchi durante il periodo estivo, per la monticazione e la raccolta del legname. Durante il tragitto i miei pensieri vagano su come poteva essere dura la vita, a quei tempi, in questa zona delle Prealpi così povera di acqua, quando i malghesi, insieme ai loro animali, rimanevano tra queste alture per tutto il periodo estivo, per poi scendere in pianura con l’arrivo dei primi freddi. Rispetto a quei vecchi, che hanno veramente vissuto tra queste montagne conoscendone ogni singola piega, mi sento tutte le volte un semplice turista della domenica.

Oggi ho voluto tornare lassù in cima allo Zuc di Valliselle a rivivere questa esperienza per poi condividerla con tutti voi; purtroppo la mattinata non era così tersa da permettermi di vedere le Dolomiti. Il Pelmo, la Civetta, il Bosconero, lo Schiara, il Sass Maor erano avvolti dalle nubi e da quel sottile mistero che tanto mi affascinava quando ero ragazzo. Pazienza, tornerò….

Se vuoi anche tu come me partire dalla pianura per vedere le Dolomiti visualizza la scheda tecnica della salita allo Zuc di Valliselle.

 

 

 

11 commenti
  1. Francesca
    Francesca dice:

    Ricordo con piacere quando un paio di anni fa siamo partiti con Anna , Mahdi e Virginia, Gioia, Marco e Teresa è stata una bellissima giornata chiusa degnamente con castagnata alla Casera Friz

    Rispondi
  2. Roberto
    Roberto dice:

    Complimenti Fabrizio per il tuo Blog. Veramente ben fatto,con gli itinerari, la cartina, le foto……
    Sono salito molte volte fino a Valle Frith e dintorni, ma non son mai arrivato sullo Zuc. Mi sa tanto che sarà una prossima meta. Ciao.

    Rispondi
    • Fabrizio Vago
      Fabrizio Vago dice:

      Grazie Roberto

      Ho proprio piacere che il mio Blog diventi fonte di ispirazione per rivalutare alcuni luoghi forse ingiustamente dimenticati
      Speriamo che almeno tu le veda le Dolomiti…

      Rispondi
  3. Flavio
    Flavio dice:

    Salire in cima al Zuc dopo la salita per costa Pissol (la diretta) e poter godere del panorama dolomitico fa sempre bene al cuore, purtroppo ieri non ci siamo riusciti causa nuvole, comunque ho goduto la sosta in casera Friz in compagnia di Gianni, Giorgio e la cagnolina Moira.
    Il marangon

    Rispondi
    • Fabrizio Vago
      Fabrizio Vago dice:

      Anche a me martedì scorso è successo così, niente Dolomiti.Non importa sarà per la prossima volta…. prendere una mezza giornata di aria buona fa sempre bene alla testa e al corpo. Quando vuoi passa a casa mia con Andrea a prendere un caffè.
      un caro saluto

      Rispondi

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] che torno mi vengono in mente le parole di Fabrizio quando diceva a sua madre, da ragazzino, “vado a vedere le Dolomiti“. Aveva […]

  2. upnews.it scrive:

    Mamma vado a vedere le Dolomiti

    è quello che dicevo a mia madre quando, ancora adolescente, uscivo di casa con lo zaino in spalla, carico di entusiasmo e pieno di aspettative, per raggiungere la cima dello Zuc di Valliselle (1632 mt.). Da lassù è possibile godere, nelle belle giornat…

  3. […] io lascio volentieri a casa l’auto e parto direttamente da casa a piedi come racconto in questo articolo. Ok per chi vive a Milano o in mezzo alla pianura Padana mi rendo conto che non sia proprio facile […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *