Informazioni utili sul mondo degli sci, dello scialpinismo e molto altro.

valanghe

Valanghe: le dieci false credenze che ti possono fregare

E’ inverno e capita spesso di sentire parlare di valanghe o slavine. Alla TV, al bar, in seggiovia se ne sentono di cotte e di crude. Tutti sanno tutto o almeno pensano di saperlo! Tante persone fanno grandi discorsi con pochi dubbi dispensando regole certe e schematiche! Siamo un po’ tutti allenatori di calcio si sa… La montagna invernale con la sua complessità e la sua imprevedibilità invece non guarda in faccia nessuno e ogni anno mischia le carte in gioco infischiandosene alla grande di preconcetti e di false credenze.

Continua a leggere

località turistiche invernali

Località turistiche invernali senza auto

Perché scegliere per le proprie vacanze delle località turistiche invernali senza auto? Per essere diversi e distinguersi dagli altri? Forse anche si ma soprattutto per passare qualche giorno in un posto dove la neve è veramente bianca, l’aria è più pulita e dove il silenzio della montagna si sente davvero.

Continua a leggere

natale in trentino

Natale in Trentino all’insegna del piccolo è bello

Piccolo è bello. Spesso in montagna è proprio così e lo è anche se decidi di trascorrere il Natale in Trentino. In alcune piccole località trentine, solo sfiorate dal turismo di massa, la neve anche dopo qualche giorno che è caduta rimane bianca e non assume quel brutto colore grigiastro dovuto agli scarichi delle auto.

Continua a leggere

pericoli della montagna

I pericoli della montagna invernale

Oggi voglio parlare dei pericoli della montagna e più precisamente di quelli che interessano tutti coloro che amano frequentare la montagna innevata. Mi rivolgo cioè agli sci alpinisti, ai freerider, ai ciaspolatori ma anche ai semplici escursionisti che occasionalmente frequentano le montagne durante la stagione fredda.

Continua a leggere

vecchia seggiovia

C’era una volta una vecchia seggiovia

C’era una volta una vecchia seggiovia che mi metteva paura. I seggiolini erano molto vicini e correvano veloci tanto che sembravano impazziti. Dovevo essere lesto e preciso a prendere bene la posizione giù al punto di partenza. Meglio se mettevo una manina dietro per fermare anche solo per un attimo la corsa del seggiolino. Se mi dimenticavo una bella pacca al polpaccio non me la levava nessuno.

Continua a leggere