Col Nudo, sci alpinismo a cinque stelle in Alpago

Col Nudo

Gruppo montuoso

Col Nudo – Cavallo

Presentazione itinerario

Il Col Nudo, per i suoi ampi pendii e la sua lunghezza, è sicuramente una degli itinerari di scialpinismo più belli di tutta la zona dell’Alpago. Essendo la cima più alta del gruppo Col Nudo- Cavallo, dalla sua sommità è possibile godere di un magnifico panorama a 360° che spazia dalla Pianura alle Dolomiti, alle alpi Carniche e Giulie fino alle alte cime dei Tauri. Questa montagna precipita a nord e ad est con altissime e selvagge pareti, mentre a sud ovest offre un terreno ideale per lo scialpinismo. Proprio questo versante richiama ogni anno, in inverno e in primavera, centinaia di appassionati ben contenti di far scivolare i loro sci lungo gli splendidi e assolati pendìì che lo caratterizzano. Nonostante la quota modesta, la parte superiore di questo itinerario ha caratteristiche quasi da Alpi Occidentali e va percorsa con cautela soprattutto in presenza di nevi dure e ghiacciate

Accesso stradale

Da Belluno o da Vittorio Veneto si perviene a Pieve D’Alpago da dove si prosegue per Plois. Da qui seguire le indicazioni per il Rifugio Carota, superarlo e continuare a salire poco oltre fino a quando si vede una strada in discesa verso destra (inizialmente asfaltata). Seguirla per circa 3 chilometri fino a raggiungere la Casera Stabalì all’imbocco del Venal di Montanes

Punto di partenza

Casera Stabalì

Panoramica della salita

Col Nudo

Esposizione

Sud Ovest

Difficoltà

 BSA

Dislivello

1421 mt

Attrezzatura consigliata

Ramponi

Tempo salita

4 ore

Descrizione salita

Da Casera Stabalì si continua lungo la ripida carrereccia che sale rapidamente alla vicina Casera Scalet Bassa (mt 1050). Dalla Casera seguire il segnavia Cai 965. Il sentiero, dopo un traverso verso destra, inizia a salire per un ripido bosco fino a raggiungere, dopo circa 200 metri di dislivello, una zona più aperta. Questo tratto, piuttosto scomodo e faticoso, è da percorrere con gli sci nello zaino. Finalmente si calzano gli sci e si risalgono i bellissimi pendìì del Venàl di Montanes su terreno sempre più aperto. Tenere prefiribilmente la sinistra fino ad accedere, dopo aver superato piccoli dossi e larghi valloncelli, ad una zona quasi pianeggiante in vista del ripido pendio superiore. Questo va risalito, puntando verso la cresta del monte, fino a raggiungere, poco sotto essa, un caratteristico masso (denominato solarium) dove è consigliabile lasciare gli sci. Da qui, subito a destra, inizia un corto e ripido canalino che porta sulla cresta del monte. Continuare verso destra, per pochi minuti, lungo la facile ma suggestiva cresta, spesso orlata da cornici, fino a raggiungere la panoramicissima cima del Col Nudo

Descrizione discesa

Lungo il percorso già effettuato in salita

Note

Soprattutto in primavera, in presenza di neve ghiacciata, fare attenzione all’ultimo ripido pendio che porta sulla cresta del monte

Galleria itinerario

Tutti gli itinerari

Articoli correlati

stagione migliore
valanghe
località turistiche invernali
natale in trentino
pericoli della montagna
vecchia seggiovia
lavorazione sci
sciare a fine stagione
divieti in montagna