fat bike

Fat bike: Cosa sono e come vanno

Se è vero che fino a poco tempo fa le Fat bike si vedevano solo nelle fiere ora queste strane bike dalle gomme veramente esagerate sembrano aver trovato il loro spazio anche all’interno dei negozi specializzati accanto alle tradizionali mtb. Capita poi che quando una di queste maggiorate mette il muso all’aperto è quasi impossibile rimanere indifferenti. Lo stupore e la curiosità della gente è notevole.

A presentarci oggi queste curiose bike dalle “ruote grasse” ci pensa Monica Tommasini  appartenente al gruppo Evolution fat Bike crusades. 

Perchè scegliere una Fat bike

In principio era la mountain bike. Qualcuno poi decise che era arrivato il momento di pensare ad una evoluzione, ad una bicicletta capace di arrivare laddove le mtb non riescono ad arrivare. Ed è così che sono nate le fat bike, caratterizzate da ruote che montano pneumatici molto larghi (la sezione deve essere di almeno 3,7 pollici) e cerchi più larghi di 44 mm. Fat (che in inglese significa “grasso”) è il riferimento, ovviamente non alla bici in sè, ma alle coperture, la cui sezione è talmente ampia da rendere il diametro della ruota molto vicina ai 29″. La sezione maggiorata dello pneumatico consente un’aderenza assoluta, mentre la bassa pressione (che può variare da uno 0,5 a 1,0 bar) aumenta la superficie di appoggio dello stesso a terra permettendo di galleggiare anche su superfici cedevoli come neve, fango o sabbia.

fat bike

 

In sella ad una fat bike vi sentirete per una volta più bravi di quello che effettivamente siete: la grande dimensione delle ruote rendono la bici particolarmente facile da condurre, e l’ampia superficie di appoggio sul terreno garantisce una stabilità straordinaria anche sui terreni più accidentati. Tutto ciò comporta che anche un principiante possa sentirsi perfettamente a suo agio sin da subito.

Le F. bike sono indicate principalmente per il divertimento e l’avventura sui terreni più estremi come neve, fango e sabbia ma nel caso di ciclisti molto ben allenati possono costituire il mezzo alternativo per lunghi viaggi in totale autonomia utilizzando la formula del bikepacking.

Ovviamente dato il grande attrito delle gomme sul terreno questo giocattolino non è di certo destinato a chi ama percorrere  grandi salite e lunghe distanze o ancora meno a chi cerca la velocità e le competizioni. Tuttavia le fat sono bici divertenti e molto meno faticose di quanto si possa pensare. Anche il peso nonostante le apparenze non è poi molto differente da una normale mountain bike.

Ma c’è di più per gli amanti del comodo sono già state pensate delle fat ammortizzate.

fat bikeDopo avervi illustrato le caratteristiche principali di queste bici non posso non presentarvi gli Evolution Fat bike Crusades di cui faccio parte.

Siamo un gruppo di ragazzi della bassa modenese, che si sono dati una missione: vogliamo sdoganare l’idea diffusa che le fat bike siano solo pesanti biciclettone per pochi. Siamo ragazzi che hanno fatto di questa bicicletta la loro bicicletta numero 1: dall’uso sugli argini ai trail sul lago di Garda. Se volete seguire le nostre avventure, ci trovate su Facebook (Evolution Fat bike crusades) o sul nostro sito web (www.fatbikecrusades.it)

8 commenti
  1. MTBiker
    MTBiker dice:

    Pensavo di trovare un sito con informazioni su percorsi ed invece trovo un negozio online. Poca serietà per farsi pubblicità

    Rispondi
  2. Fabrizio Vago
    Fabrizio Vago dice:

    Se guardi bene in questo sito nella sezione itinerari oltre al blog ci sono anche tante info riguardanti i percorsi e non solo per mtb, L’articolo in questione non fa riferimento a nessuna marca in particolare ma presenta a grandi linee questa nuova e strana bicicletta che adesso comincia a vedersi in giro. Tutto qua…

    Rispondi
  3. enrico
    enrico dice:

    quanto marketing, basti pensare alle considerazioni sensazionalistiche, poi in fondo un link che rimanda ad un negozio online guarda caso specializzato in prodotti per FAT.

    Rispondi
  4. Fabrizio Vago
    Fabrizio Vago dice:

    Beh che c’è di male nel muovere l’economia (quella degli altri e perchè no anche quella del sottoscritto) una persona è libera di aprirlo il link oppure no come è libera di leggere o meno l’articolo. Mi sbaglio ? Ho impiegato tanto tempo e sacrifici dietro a questo blog e se un giorno riuscirò a tirarmi fuori qualcosa non dovrò certo vergognarmene. Anzi…

    Rispondi
  5. MTBiker
    MTBiker dice:

    A me queste FAT bike hanno già rotto. Tutti questi siti che ne amplificano le doti, fatemi un piacere usatele e non cercate sempre il confronto con le altre bici. Ognuno usa ciò che gli piace ma non si deve sentire autorizzato a sbandierare ovunque anche il minimo vantaggio.
    Comunque da un blog del genere mi aspettavo più serietà, creare “falso” titolo per poi scrivere le solite quattro frasi inerenti le FAT con un link di uno shop

    Rispondi
    • Stefano
      Stefano dice:

      Beh, a mio avviso la pubblicità ci vuole, senza di questa non si avrebbero informazioni varie e non si potrebbero fare confronti. Le fat bike ti hanno rotto? Volta pagina MtBiker! io ne ho una ma adopero lo stesso la full e la front, e una novità, si cercano confronti appunto per capire cosa e meglio e cosa peggio.LA certezza e che se qualcuno non prova ma giudica fa poca strada anche su una bici da corsa!

      Rispondi
  6. Monica
    Monica dice:

    Sinceramente non so che cosa ti/vi abbia dato cosi fastidio. Il link è stato riportato in quanto nel blog pubblichiamo i giri che sono stati fatti, per dimostrare che non è una bicicletta poi cosi “impossibile” da utilizzare. Nessuno ha mai obbligato ne obbliga a comprare. Mi dispiace che ti sia sentito offeso dalla cosa.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *